Il Castello di Racconigi

La villeggiatura estiva del Re d'Italia

Torna a

Originario del XII secolo, nel Seicento il castello divenne residenza del ramo cadetto dei Savoia Carignano.

A partire dal 1676 fu trasformato da Guarino Guarini nel «palazzo di Delizie», completato verso la metà del Settecento da Giovanni Battista Borra, che realizzò la facciata meridionale in stile neoclassico e progettò gli arredi del Salone d’Ercole, della Sala di Diana e degli Appartamenti Cinesi.

Nel 1831, divenuto re di Sardegna, Carlo Alberto dispose un ampliamento strutturale affidato a Ernest Melano, e incaricò Pelagio Palagi di realizzare il ridisegno degli arredi interni. I risultati ottenuti da Palagi sono un esempio magistrale dello stile eclettico ottocentesco, tra cui spiccano capolavori come il Gabinetto d’Apollo e il Gabinetto Etrusco.

Il fascino del castello, oggi, è ancora fortissimo, e visitarlo equivale a tuffarsi nello splendore della vita di corte. Non sarà difficile capire perché il re amasse tanto trascorrere qui le sue vacanze...

 

 

(Scopri il progetto Essenza del Territorio: clicca qui)